Noi Del Vallo Di Diano….Si scoprono a Sala Consilina quindici edifici mai registrati al Catasto

0 294

 

Noi Del Vallo Di Diano….Si scoprono a Sala Consilina quindici edifici mai registrati al Catasto

 

Quindici immobili di proprietà del Comune, tra questi anche l’edificio che dal 1991 al 2013 ha ospitato il Tribunale, non risultano esistenti nel Catasto fabbricati e in diversi casi molti risultano ancora catastalmente intestati ad altre persone, nella maggior parte dei casi i proprietari dei terreni dove poi alcuni di questi immobili sono stati costruiti dal Comune. Ma c’è di più: almeno in un caso, quello relativo all’edificio che ospita la scuola primaria in località Viscigliete, nella periferia nord della città, alcune delle persone che erano proprietarie dei terreni dove è poi stata costruita la scuola, ancora oggi ricevono dal Consorzio di Bonifica i bollettini annuali per il pagamento delle quote consortili, nonostante non siano più proprietari da decenni dei terreni.
Buona parte degli immobili comunali presenti nell’elenco sono stati realizzati tra gli anni Sessanta e Settanta, uno dei più recenti è invece l’edificio in località Tressanti che per 22 anni ha ospitato il Palazzo di Giustizia e da circa due anni è sede del Distretto sanitario e dell’ufficio del Giudice di Pace. Il tribunale fu inaugurato nel 1991 senza che nessuno all’epoca si fosse accorto che l’immobile non era stato accatastato.
Gli altri 13 beni “fantasma” sono: scuola media “Giovanni Camera”, Palestra scuola media “Camera”, scuola dell’infanzia e primaria “Sant’Antonio”, scuola primaria “Fonti”, scuola primaria “Cappuccini”, Campetti “Cappuccini” e spogliatoi, campetti “Cancellaro”, stadio “Osvaldo Rossi” e spogliatoi, locale commerciale in piazzetta Trinità, archivio comunale in via Giocatori, deposito in via Fratelli Bandiera, scale “Sale d’Italia” in corso Vittorio Emanuele, locale in via Fossa.
Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale ha inviato una comunicazione ai professionisti che hanno chiesto di essere inseriti nella short list per il conferimento di incarichi nell’area tecnica del Comune, invitandoli a presentare un preventivo per le operazioni necessarie a regolarizzare la situazione catastale degli immobili. La spesa ipotizzata è di 35mila euro, le prestazioni richieste sono denuncia al Catasto fabbricati, immissione in mappa e, se necessario, domanda di voltura catastale per gli immobili intestati ad altri soggetti.

 

 

Informazione, Benessere e Business con Nicoletta De Innocentis☆

 

whatsapp 349 4448340
 
 
 profilo facebook Nicoletta De Innocentis
 

profilo facebook Nicoleta De Innocentis

pagina facebook Ama te stessa Nicoletta De Innocentis

pagina secondo profilo Magnetix Wellness Nicoletta De Innocentis

oppure vai allo shop online

E commerce Italy

Gruppo Ricette light in tavola con Nichy

Iscriviti ora  al mio  canale youtube per non perderti nuovi video

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.